Maiori News - Il portale on line di Maiori e della Costiera Amalfitana

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Maiori News - Il portale on line di Maiori e della Costiera Amalfitana

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 7 ore fa

Date rapide

Oggi: 29 febbraio

Ieri: 28 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Maiori News Costiera Amalfitana

Il portale on line di Maiori e della Costiera Amalfitana

Maiori News - Il portale on line di Maiori e della Costiera Amalfitana Il portale on line di Maiori e della Costiera Amalfitana

Sal De Riso Costa d'Amalfi, il sito ufficiale del Maestro Pasticciere membro e presidente dell'Accademia Maestri Pasticceri Italiani (AMPI)Small Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAOfferta Granato Caffè a cialde con macchina FrogMaurizio Russo liquorificio e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' TirreniBove Marrazzo impresa Edile per lavori pubblici e privati a Tramonti e in Costiera AmalfitanaSupermercati Maiori, Netto, Pollio, Treesse, offerte, volantino, supermarket amalficoast

Tu sei qui: Storia e StorieIn cammino verso la santità: Padre Angelo (Riccio) da Maiori

Pasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830

Storia e Storie

Storia, storie, Maiori, sanza, padre angelo, gaetano riccio, beatificazione

In cammino verso la santità: Padre Angelo (Riccio) da Maiori

Uno scritto di Sigismondo Nastri racconta la storia del frate originario di Maiori e seppellito a Sanza

Inserito da (Admin), venerdì 10 febbraio 2023 19:02:35

di Sigismondo Nastri - A Sanza, pittoresco paese cilentano, adagiato su un colle a 607 metri d'altitudine, dove trascorse gli ultimi anni di vita, lo ricordano col nome di "Beato" o "Padre Santo", nonostante il cammino verso la santità si sia arenato allo stadio iniziale, quello di "Servo di Dio".

Sulla sua tomba, nella chiesa dell’ex convento francescano, la gente del luogo depone preghiere e fiori, invocando la Madonna affinché un giorno egli possa assurgere agli onori dell’altare: "Deh! Riponi, eccelsa Madre, - sugli altari il Santo Padre, - il suo Corpo venerato - fa che sia dissotterrato". Padre Angelo da Maiori, al secolo Gaetano Riccio, morì il 12 novembre del 1738. Un opuscolo, redatto da Padre Clemente Paolini, o.f.m., e pubblicato nel 1951, ci offre una sintesi del suo percorso terreno. Nato il 10 maggio 1670 nella cittadina della Costa d’Amalfi, dove peraltro è pressoché ignorato, il piccolo Gaetano fu battezzato quello stesso giorno al fonte della Chiesa Collegiata. E "come aprì la sua anima alla virtù all’ombra del Santuario di S. Maria a Mare - scrive Padre Paolini -, così maturò la sua vocazione religiosa presso il Convento francescano", che è sul limite occidentale del lungomare. Fondato nel 1405, incendiato dai turchi nel 1435, esso fu riedificato, secondo la tradizione, da S. Bernardino da Siena l’anno seguente. Si narra che il monaco senese fece sgorgare, in un periodo di siccità, acqua da una rupe. Dell’avvenimento rimane una iscrizione su una fontana ormai prosciugata.

Gaetano fu mandato a studiare teologia a Napoli in un convento, detto di S. Maria della Compassione, situato presso il Maschio Angioino. Divenuto frate Angelo, fu trasferito a Cava de' Tirreni, quindi a Sarno, dove completò gli studi di filosofia e teologia e fu ordinato sacerdote. Al rientro a Napoli si dedicò all’insegnamento, esercitato nello stesso convento. Apprezzato dai superiori, fu nominato Maestro dei Chierici, che "più che sentire la sua calda parola ammonitrice, seguivano il suo esempio che trascinava irresistibilmente": preghiera e umiltà. Ma egli avvertiva un desiderio di pace e di raccoglimento. Ottenne perciò di ritirarsi nel convento di S. Maria della Neve, a Sanza. Avrebbe voluto fare l’eremita, ma lì fu chiamato a confessare, a predicare, ad assistere sofferenti e moribondi. E cominciò ad essere protagonista di episodi straordinari. Padre Paolini riferisce che una sera, insieme con un confratello, egli si avviò lungo la strada che porta sul colle del Cerro. "Giunto colà a notte avanzata, chiese ospitalità ad alcuni pastori ricoverati in una capanna. Dopo aver scambiato con loro alcune parole, trasse in disparte uno di essi, celebre facinoroso, che viveva di furti e di omicidi, e con paterne parole l’indusse ad accusare in confessione le gravi sue colpe. Mentre scendeva verso il Convento, il cielo cominciò a rabbuiarsi, e in breve tempo scoppiò un furioso temporale. Il Servo di Dio, mettendo piede in Convento, volgendosi a Fra Luca, ‘Fratello, gli disse, quel tale da me confessato, è morto in questo momento, colpito da fulmine: ma la sua anima è salva’. Il giorno dopo alcuni boscaioli, salendo verso il colle del Cerro, trovarono disteso al suolo il famoso bandito". Il vescovo di Capaccio, che lo volle suo consigliere, gli affidò l’evangelizzazione della diocesi, che si estendeva fino a Teggiano. In quest’opera egli fu spesso affiancato da un frate cappuccino calabrese, Padre Angelo d’Acri, poi proclamato Beato.

Padre Angelo da Maiori sapeva leggere nel futuro, ma anche nel cuore della gente. Riusciva a far desistere, ad esempio, un uomo dall’incontro con una donna di malaffare o da una reazione violenta ad un torto subito. La gente accorreva numerosa: per ascoltarlo nelle predicazioni, per confessargli i peccati e riceverne l’assoluzione, per confidargli le proprie pene, per invocare da lui qualche grazia. Nel processo informativo avviato per la beatificazione, si legge, tra le altre, questa significativa testimonianza: "Il Servo di Dio menava una vita di angelo più che di uomo. Si esercitava in aspre e dure penitenze. Tante volte giungeva talmente a mortificarsi e a flagellarsi, che cadeva quasi morto al suolo. Avvertito di ciò più volte il Superiore, ad evitare che tali penitenze si rinnovassero a danno della salute, dispose che un confratello costantemente lo vigilasse, per frenarlo nei suoi trasporti di avanzata macerazione della carne". Padre Paolini racconta che il confessionale di Santa Maria della Neve fu l’ultima cattedra di Padre Angelo, fino a quando egli non chiuse gli occhi, quel 12 novembre 1738, cantando lodi alla Madonna. Da allora la popolazione di Sanza ne custodisce con affetto e devozione le spoglie, tramandando di generazione in generazione la sua memoria e la testimonianza dei prodigi compiuti.

© Sigismondo Nastri (da: mondosigi.com)

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Maiori News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

In cammino verso la santità: Padre Angelo (Riccio) da Maiori
In cammino verso la santità: Padre Angelo (Riccio) da Maiori

rank: 101236107

Storia e Storie

Il maiorese Filippo Civale torna a scuola a 88 anni: memoria storica e ponte tra generazioni /FOTO

Un viaggio nel tempo, una lezione di storia viva, un ponte tra generazioni. All'interno degli eventi organizzati dall'Istituto Giovanni Pascoli di Tramonti, Filippo Civale, il vivace nonnino di Maiori oggi 88enne, ha condiviso la sua preziosa esperienza di vita con gli studenti delle terze e quarte elementari....

Maiori, Jack e Barone in visita dopo la chiusura del parcheggio alla Grotta /foto

Una visita di poche ore, una bella passeggiata dal lussureggiante giardino in cui risiedono adesso fino allo studio veterinario di Maiori per una visita di controllo, quella che ha consentito a Jack e Barone di passare davanti alla loro grotta questo pomeriggio. In molti, dopo la chiusura del parcheggio...

Maiori, il ricordo del prof. Carmine Conforti nel 18° anniversario della sua morte

Raffaela Amato, docente in pensione e appassionata di poesia, ha dedicato alcuni versi alla memoria del compianto prof. Carmine Conforti, scomparso 18 anni fa, il 25/01/2006. Uomo colto e appassionato di storia, molto si è impegnato per la difesa del patrimonio culturale e ambientale del nostro territorio....

I pescatori della Costa d'Amalfi e il rito di «spezzare» le trombe marine

di Maria Abate - Un'antica tradizione ancora attuale. Anticamente (ma qualcuno continua a farlo ancora oggi), per placare il mal tempo si accendeva una candela benedetta durante il rituale della Candelora, che avviene ogni 2 febbraio per ricordare la Presentazione di Gesù al Tempio e il rito della Purificazione...

Vigili del Fuoco di Maiori: Giuseppe Normanno conclude il suo servizio dopo 38 anni

Dopo 38 anni di servizio ininterrotto, dal 1° novembre 2023 Giuseppe Normanno ha appeso al chiodo l'elmetto e la divisa, entrando ufficialmente in pensione. Era il 20 agosto 1992 quando, con grande entusiasmo e dedizione, decide di intraprendere la carriera di Vigile del Fuoco: il suo percorso di formazione...

Maiori News - Il portale on line di Maiori e della Costiera Amalfitana

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.