Ultimo aggiornamento 2 ore fa S. Federico vescovo

Date rapide

Oggi: 18 luglio

Ieri: 17 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Maiori News Costiera Amalfitana

Il portale on line di Maiori e della Costiera Amalfitana

Maiori News - Il portale on line di Maiori e della Costiera Amalfitana Il portale on line di Maiori e della Costiera Amalfitana

Small Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAMaurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Bove Marrazzo impresa Edile per lavori pubblici e privati a Tramonti e in Costiera AmalfitanaSupermercati Maiori, Netto, Pollio, Treesse, offerte, volantino, supermarket amalficoast

Tu sei qui: Flusso di CoscienzaCostiera "città aperta", per un gesto di solidarietà concreta

Pasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830

Flusso di Coscienza

Maiori, Costiera Amalfitana, Ucraina, Guerra, Solidarietà

Costiera "città aperta", per un gesto di solidarietà concreta

"Non avremmo mai pensato di dover rivedere nella civile Europa immagini che ci riportano alle tragedie del '900"

Inserito da (Admin), venerdì 4 marzo 2022 05:37:13

di Vincenzo Rispoli* Avvocato

La Costa d'Amalfi da almeno 20 anni riceve numerosi cittadini ucraini, interessati dai lavori più disparati ed umili, nel servizio alla persona ed alla casa, nel settore turistico e della ristorazione, nei lavori agricoli o edili. Ormai, dopo tanti anni, molti di loro sono perfettamente integrati nel tessuto sociale locale e possono considerarsi, almeno di fatto, concittadini delle nostre piccole Comunità.

È lo stesso percorso di emigrazione forzata dalla povertà che molti cittadini della Costiera hanno svolto negli anni del dopoguerra verso il nord Italia o l'estero.

Oggi la situazione in Ucraina si presenta sempre più grave. La guerra in atto non consiste in un veloce blitz od in mere azioni di guerriglia ma coinvolge le principali città e l'intera popolazione civile, come accaduto durante la II guerra mondiale ed ancora recentemente ad opera delle forze russe, e rischia di trasformare l'intero territorio in nuove Stalingrado, Grozny, Aleppo...

Non avremmo mai pensato di dover rivedere nella civile Europa immagini che ci riportano alle tragedie del '900.
Ognuno, anche nel suo piccolo, è chiamato a svolgere la propria parte di responsabilità per evitare l'ulteriore escalation del conflitto ed ulteriori sofferenze per le popolazioni civili.

Questa crisi rischia di diventare un dramma umanitario e dopo pochi giorni già vede un milione di profughi dirigersi verso i Paesi europei, inclusa l'Italia, da decenni Patria di adozione anche per numerosi cittadini ucraini.

Anche in ragione della comune esperienza di emigrazione, le Comunità della Costiera, in queste ore drammatiche, potrebbero assumere la loro piccola porzione di responsabilità, valutando un gesto di solidarietà concreto. Accogliere provvisoriamente fino al termine della crisi i parenti stretti dei nostri concittadini ucraini, consentendo il loro ricongiungimento familiare.

A tal fine i Comuni dovrebbero verificare le strutture pubbliche superflue o sottoutilizzate da destinare a tale scopo; e magari incentivare anche con esenzioni di imposte i privati a mettere a disposizione immobili.

Anzi, non è da escludere che con la nuova emergenza il Governo nazionale disponga addirittura delle sovvenzioni per l'accoglienza dei profughi, come già fatto per il Covid od altre crisi umanitarie.

La Costiera, terra di emigrazione, non può essere insensibile a tale esigenza primaria che investe famiglie di propri concittadini che da anni assolvono funzioni essenziali per il nostro territorio e le imprese, ormai perfettamente integrati nelle varie Comunità locali.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Maiori News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 107421101

Flusso di Coscienza

Da Maiori un messaggio di fratellanza alle tifoserie di Salernitana e Napoli /foto

E' finito il derby tra Napoli e Salernitana e, come ampliamente anticipato dalle nostre pagine, i granata si sono dimostrati avversari decisamente più ostici del previsto. Nei giorni precedenti la partita abbiamo visto crescere la tensione tra le tifoserie, intercettando molti commenti che definire fuori...

Alla vigilia dell'evento per la sicurezza stradale di Sorrento, riproponiamo la riflessione dell'ing. Giuseppe Mormile

Riproponiamo un articolo dell'Ing. Giuseppe Mormile, esperto di sicurezza e lavoro, pubblicato sul portale on line Il Vescovado lo scorso 19 novembre 2021. Troppo semplice a seguito di un evento tragico o di un fenomeno calamitoso erigersi a risolutori, giudici, avvocati, tecnici. Pertanto questa mia...

La Costa d'Amalfi, tra Covid ed Ucraina

di Vincenzo Rispoli* Avvocato L'emergenza Covid è stata una prova epocale per l'intera Umanità con modificazione totale degli stili di vita per tutta la popolazione ed effetti a lungo termine di cui ancora non abbiamo percepito la portata. La crisi conseguente alla pandemia è stata paragonata da tutti...

A Maiori l'inaugurazione mostra fotografica benefica “Il fanciullo ritrovato” a favore di Casa Ronald Roma Bellosguardo

Anche quest'anno il Maiori Festival rinnova l'appuntamento natalizio con la solidarietà a sostegno dell'infanzia. Sabato 4 dicembre alle 18, negli spazi di Palazzo Mezzacapo, sarà inaugurata la mostra fotografica "Il fanciullo ritrovato" realizzata da Francesco Quinziato per Casa Ronald Roma Bellosguardo,...

Frana di Furore. Il post dell'avvocato Merolla: "Siamo tutti complici e corresponsabili, anche io!"

di Matteo Merolla Cinquant'anni fa non si verificava nessuna frana e non divampava alcun incendio, poiché l'originale macchia mediterranea trasformata in terrazzamenti agricoli, con la terra imprigionata in muretti a secco drenanti, era custodita, preservata, manutenuta, curata dai contadini, antesignani...