Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 44 minuti fa S. Adelaide vergine

Date rapide

Oggi: 16 dicembre

Ieri: 15 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Maiori News - Il portale on line di Maiori e della Costiera AmalfitanaMaiori News Costiera Amalfitana

Il portale on line di Maiori e della Costiera Amalfitana

Acquista on line i panettoni artigianali della Pasticceria Pansa di Amalfi Sal De Riso Costa d'Amalfi augura a tutti i lettori di Positano Notizie un Natale sereno all'insegna del gusto e della dolcezzaSunland Viaggi e Turismo - Tour operator incoming in Costiera Amalfitana

Maiori News

Acquista on line i panettoni artigianali della Pasticceria Pansa di Amalfi Sal De Riso Costa d'Amalfi augura a tutti i lettori di Positano Notizie un Natale sereno all'insegna del gusto e della dolcezzaSunland Viaggi e Turismo - Tour operator incoming in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: Storia e StorieLa pittura firmata da Giovanni da Gaeta tra Maiori e Cava de’ Tirreni

Storia e Storie

Maiori, Costiera amalfitana, pittura, arte

La pittura firmata da Giovanni da Gaeta tra Maiori e Cava de’ Tirreni

L'artista ha lavorato in un contesto gotico internazionale, seguendo il tema iconografico dell’Incoronazione della Vergine

Scritto da (mariaabate), sabato 10 novembre 2018 15:24:44

Ultimo aggiornamento lunedì 23 settembre 2019 08:22:49

Di Gerardo Pecci (tratto da "La Città di Salerno" in edicola il 22/10/2018)

La pittura del Quattrocento nel Regno di Napoli è sotto il segno della cultura figurativa gotica che, lasciata l'eredità di Giotto già dalla fine del secolo precedente, si orienta verso modi figurativi senesi e avignonesi e che sono evidenti nel primo venticinquennio del secolo. Nel 1442, Alfonso il Magnanimo conquistò il Regno di Napoli e le forme dell'arte subirono un'accelerazione in senso rinascimentale, con significativi influssi fiamminghi nel corso della seconda metà del secolo. In questo periodo, su basi artistiche tardogotiche, con la presenza di Pisanello e di Leonardo da Besozzo a Napoli, come ci informa Ferdinando Bologna, e il moto fiammingo rilevato già nel 1524 da Pietro Summonte, nella lettera al veneziano Marcantonio Michiel, si inserisce l'opera di un pittore importante, documentato tra il 1448 e il 1472.

Si tratta di Giovanni da Gaeta, la cui attività artistica fu scoperta da Federico Zeri nel 1950. La sua arte è stata poi studiata da diversi storici dell'arte. In provincia di Salerno il maestro è presente con due opere. La prima è conservata nel convento di San Francesco di Maiori ed è un trittico con una Incoronazione della Vergine con i santi Antonio da Padova e Bernardino da Siena, smembrato e poi ricomposto in due panelli con cornici di forma mistilinea, per poterli adattare alle cornici di stucco delle pareti in cui sono stati collocati. Purtroppo, non vi è più traccia di uno dei due pannelli laterali «sicuramente con due santi francescani (san Francesco e san Ludovico?)», come ci ricorda lo studioso Antonio Braca. La seconda opera è anch'essa un trittico raffigurante un'altra Incoronazione della Vergine tra San Michele Arcangelo a Cava de' Tirreni. L'opera fu segnalata dallo storico dell'arte Luigi G. Kalby, in uno studio del 1968 sui pittori Giovanni da Gaeta e Cristoforo Scacco. Allo stesso pittore è attribuito un precedente trittico, del 1456, con al centro sempre una Incoronazione della Vergine, affiancata lateralmente da due pannelli, uno con le figure delle sante Agata e Lucia e l'altro con le figure di Santa Margherita e di Santa Caterina. Oggi è conservato nel Museo Diocesano di Gaeta, ma proveniente dalla chiesa di Santa Lucia nella medesima località laziale.

Giovanni da Gaeta si muove in ambiti e filoni iconografici e stilistici che partono da un contesto legato al gotico internazionale e all'opera dei pittori Leonardo da Besozzo e Perinetto da Benevento, con uno sguardo poi al gotico iberico poiché si può «identificare nella cultura del maestro una componente valenzano-catalana indubbia», come ha autorevolmente precisato Ferdinando Bologna. Va altresì ricordato che nelle sue opere vi sono poi influenze pittoriche anche di area marchigiana, come ha ben visto Francesco Abbate. Le opere di Giovanni da Gaeta nel Salernitano sono databili tra la fine del sesto e il settimo decennio del XV secolo, come ha precisato lo storico dell'arte Antonio Braca. Non si dimentichi che l'iconografia della Incoronazione della Vergine attraversa tutta l'arte gotica, già a partire da Giotto, fino ad arrivare per esempio al Beato Angelico e oltre. E proprio tale tema iconografico è stato trattato dall'ancor anonimo Maestro dell'Incoronazione di Eboli, nel proprio dipinto conservato nel Museo Diocesano "San Matteo" di Salerno, ma proveniente dalla Chiesa di San Francesco a Eboli. Si tratta di un'opera contemporanea con le altre Incoronazioni della Madonna di Giovanni da Gaeta negli anni Sessanta del Quattrocento da cui trae forte ispirazione. In fondo si può dire, con Abbate, che a sud di Napoli i «due pittori orientati a condividere le scelte figurative di Giovanni da Gaeta» furono proprio il Maestro dell'Incoronazione di Eboli e Pavanino da Palermo.

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Storia e Storie

Il Centro di Cultura e Storia Amalfitana pubblica una novità editoriale sulla battaglia di Capo d’Orso

Nella storia dell'Italia moderna ci si dimentica spesso del mare e di ciò che vi è avvenuto, e Amalfi ne è un caso poiché proprio su di esso ha iniziato la sua fortuna. Agli inizi del 1500 la Francia, che non aveva mai dimenticato d'esser stata per secoli padrona e donna del Meridione, voleva reimpossessarsi...

Storia e Storie

“Aquile Randagie”: a Minori un evento per ricordare gli scout che si ribellarono al fascismo

Nel 1928 Mussolini dichiara soppresso lo scautismo. Ma alcuni scout di Milano e Monza decidono di continuare le attività clandestinamente. Quella delle Aquile Randagie è la storia di una Resistenza durata 17 anni ed è quella di cui si parlerà venerdì 22 novembre a Minori, con inizio alle 18,30, nell'Aula...

Storia e Storie

Maiori ricorda i suoi Caduti con la poesia della professoressa Angiola Amarante

Di Maria Abate «Comando Supremo, 4 Novembre 1918, ore 12. La guerra contro l'Austria - Ungheria che, sotto l'alta guida di Sua Maestà il Re, duce supremo, l'Esercito Italiano, inferiore per numero e per mezzi, iniziò il 24 Maggio 1915 e con fede incrollabile e tenace valore condusse ininterrotta ed asprissima...

Storia e Storie

Giuliano Donatantonio lascia Maiori per una nuova avventura in Valle d'Aosta

Giuliano Donatantonio, originario di Minori, ha lasciato la sua Maiori per intraprendere una nuova avventura culinaria tra le Alpi Valdostane. A darne notizia, lo scorso 14 ottobre, è stato lo stesso Giuliano sui suoi profili social, seguito a ruota da un articolo sul sito Slow Food Campania. Giuliano...