Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 ore fa SS. Michele Gabriele e Raffaele

Date rapide

Oggi: 29 settembre

Ieri: 28 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Maiori News - Il portale on line di Maiori e della Costiera AmalfitanaMaiori News Costiera Amalfitana

Il portale on line di Maiori e della Costiera Amalfitana

Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Contract AR.DA Hotel Furniture - Gli specialisti dell'arredamentoRoyal Infissi la qualità di infissi in alluminio, legno e pvc, porte blindate, porte per alberghi, strutture ricettive, Bed and Breakfast, Ospitalità di qualitàGenea Consorzio energetico, progettazione, energie rinnovabili, impianti fotovoltaici, efficienza energeticaSupermercati Maiori, Netto, Pollio, Treesse, offerte, volantino, supermarket amalficoastSunland Viaggi e Turismo - Tour operator incoming in Costiera Amalfitana

Maiori News

Luxury Hotel Santa Caterina in Amalfi Contract AR.DA Hotel Furniture - Gli specialisti dell'arredamentoRoyal Infissi la qualità di infissi in alluminio, legno e pvc, porte blindate, porte per alberghi, strutture ricettive, Bed and Breakfast, Ospitalità di qualitàGenea Consorzio energetico, progettazione, energie rinnovabili, impianti fotovoltaici, efficienza energeticaSupermercati Maiori, Netto, Pollio, Treesse, offerte, volantino, supermarket amalficoastSunland Viaggi e Turismo - Tour operator incoming in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: Territorio e Ambiente"Risorgiamo a vita nuova", la lettera di Don Vincenzo ai maioresi

Territorio e Ambiente

Maiori, lettera, Don Vincenzo

"Risorgiamo a vita nuova", la lettera di Don Vincenzo ai maioresi

"Non sono un profeta, ma in questa epidemia, la mia preoccupazione è diventata realtà. Se sapeste quanto è surreale dover celebrare la messa davanti ai banchi vuoti!"

Scritto da (Maria Abate), venerdì 10 aprile 2020 16:49:45

Ultimo aggiornamento venerdì 10 aprile 2020 16:49:45

di Don Vincenzo Taiani*

Carissimi Fratelli e Sorelle,

stiamo vivendo una brutta esperienza di vita, che ci tiene lontani gli uni dagli altri e dal partecipare alla santa messa e agli altri sacramenti. E proprio in questa settimana santa ne avvertiamo tutta la pesantezza dell'astensione. Già non abbiamo visto e sentito tutta la gioia e l'allegria dei bambini nella scorsa domenica delle Palme, quando quella giornata, negli anni scorsi, diventava per noi adulti una festa da godere insieme ai nostri piccoli. Ho apprezzato tantissimo l'inventiva dei catechisti nell'insegnare ai loro bambini di costruire un ramoscello di ulivo a casa per non perdere, almeno visivamente, l'immagine del segno, che veniva agitato durante la processione da San Domenico alla Collegiata, e per ricordare l'augurio di pace e di affetto fraterno, che esso significava allorquando ce lo scambiavamo, chiedendoci scusa reciprocamente.

Purtroppo dobbiamo vivere anche il triduo della settimana santa restando chiusi in casa, nutrendo la certa speranza nel Signore di uscire al più presto dall'epidemia. E pertanto non potrò più mantenere quest'anno quella che ormai era diventata una tradizione pasquale e natalizia, di abbracciare ciascuno di voi al termine della messa solenne per porgervi personalmente e de visu i miei auguri.

Ed allora ho pensato di farvi pervenire il mio pensiero, il mio affetto, il mio abbraccio virtuale e il mio augurio pasquale attraverso una lettera aperta, che verrà postata sui nostri social.

Rimanere in casa è certamente un sacrificio non solo per i piccoli, ma anche per noi adulti. Ma lo dobbiamo accettare e praticare secondo le norme che ci vengono imposte da chi ci governa e da chi è esperto nell'arte medica.

Ma noi cattolici possiamo vivere questa stasi forzata considerandola alla luce della chiave di interpretazione a noi molto consentanea, che è la fede nel Signore Gesù e nella Provvidenza di Dio. Possiamo offrirla al Signore come un sacrificio a Lui gradito, per la nostra e altrui salvezza fisica: cambiare un gesto non gradito con un atto di amore verso Dio, verso di noi stessi e verso gli altri, trasformando quello che noi erroneamente pensiamo essere un castigo di Dio, l'attuale epidemia, con le parole di Santa Teresina del Bambin Gesù: Tutto è grazia.

Stiamo vivendo virtualmente questo triduo pasquale, che ha avuto inizio ieri, giovedì santo, con la santa messa trasmessa in diretta, senza lavanda dei piedi e senza processione di Gesù Sacramentato.

Stasera, venerdì santo, inizieremo, sempre alle ore 18, l'Azione Liturgica, che consisterà in alcune letture della parola di Dio, nella proclamazione della Passione del Signore e nella preghiera universale della Chiesa. Poi, dopo un breve break, alle ore 19.30, davanti alla porta centrale della chiesa, sul sagrato, procederemo allo scoprimento della croce, al bacio dei piedi del Crocifisso da parte del solo celebrante per tutti, e all'adorazione successiva con una preghiera di richiesta di perdono a Gesù e con un impegno da parte nostra di seguirlo nella sua via.

Sabato santo, sempre alle ore 18, svolgeremo la veglia pasquale, con le letture della Parola di Dio, con il gloria, e con la Santa Messa.

Domenica della Resurrezione di Gesù sarà celebrata in Collegiata una sola Santa Messa sempre alle ore 18.

Fratelli e sorelle carissimi, quante volte, celebrando la Santa Messa nelle chiese della nostra parrocchia, in questi 25 anni del mio servizio sacerdotale, ho notato un costante e progressivo affievolirsi della partecipazione domenicale, e spesso mi sono chiesto se non fossimo arrivati un giorno a dover celebrare il sacrificio eucaristico solo con la presenza dei banchi vuoti.

Non sono un profeta, ma in questa epidemia, la mia preoccupazione è diventata realtà. Se sapeste quanto è surreale dover celebrare la messa davanti ai banchi vuoti!

Tutti, ora, ci stiamo augurando di uscire dal tunnel e rivedere le stelle. Sui social ci diciamo che ritorneremo alla vita di prima. Sarebbe davvero un guaio se ritornassimo alla vita di prima. Vorrebbe dire che la storia non è più maestra di vita. Vorrebbe dire che preferiamo un mondo in cui come Giuda abbiamo tradito Gesù e come Pietro Lo abbiamo rinnegato. E continueremo a non far tesoro dell'esperienza umana collettiva che abbiamo vissuta, con le guerre, le pandemie scorse, con la Shoah, quando i morti non sono stati nell'ordine di migliaia, ma di milioni. Anzi abbiamo fatto di peggio: abbiamo scollato l'uomo morto (Gesù) dalla croce, poi abbiamo addirittura tolto anche la croce, poi abbiamo tolto il presepe nelle scuole, e poi abbiamo tolto dalla Costituzione italiana la caratteristica della confessionalità cattolica dello stato italiano, che è diventato laico e aconfessionale. E poi, infine, il mondo intero ha proclamato, con il filosofo Nietzsche: Dio è morto. E il pensiero dominante, dopo aver escluso Dio dal mondo, si è autonominato lui, con tutti i suoi vitelli d'oro, finanza, piacere, denari, sesso, gloria, potere, come dio di sé, degli altri e del creato. E ora con il coronavirus si è ritrovato nella sua fragilità e precarietà.

Ed allora il mio augurio pasquale di questo anno non è quello di ritornare alla vita di prima della pandemia, ma di sorgere ad una vita diversa, ad essere nuovi uomini e nuove donne e camminare in una novità di vita, per la costruzione di una nuova civiltà d'amore, a misura di Dio e dell'uomo, fatta di comprensione e di perdono reciproco, nella quale regni DIO unico e vero, creatore e redentore. Ritroviamo e ritorniamo a Dio come ha detto la Madonna, nel suo ultimo messaggio di Medjugorje. Noi cattolici e cittadini maioresi dobbiamo essere i nuovi profeti e i nuovi testimoni di un mondo rinnovato sotto la protezione di Santa Maria a Mare, che fino ad ora ci ha salvati dal coronavirus e ci invitati, sempre nel suo ultimo messaggio, ad avere ancora fiducia in Lei.

Buona Pasqua, buona vittoria sul male reale ma invisibile. Buona risurrezione di vita fisica, spirituale, sociale e religiosa. Ce la faremo: con Dio e con Santa Maria a Mare, ce la faremo di sicuro.

*parroco della Collegiata di Santa Maria a Mare di Maiori

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Maiori News!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Territorio e Ambiente

Territorio e Ambiente

Dopo la mareggiata i rifiuti invadono la spiaggia di Maiori, signora raccoglie polistirolo a gogò

Milioni di cassette per il pesce ogni anno finiscono nel mare italiano. Sono di polistirolo espanso, quel materiale che si sgrana in piccole palline, pericolose quando si riducono a dimensioni inferiori ai 5 mm ed entrano nella catena alimentare. Proprio il polistirolo è il materiale inquinante che,...

Territorio e Ambiente

Stasera Maiori festeggia San Michele Arcangelo, co-patrono della Città

Oggi, 29 settembre, si celebra S. Michele Arcangelo, co-patrono della Città di Maiori. Nell'ultimo libro del Nuovo Testamento, l'Apocalisse di Giovanni, dopo la prima guerra in paradiso, l'arcangelo è protagonista nella seconda guerra terrena della donna (Maria, madre di Gesù Cristo) contro il drago....

Territorio e Ambiente

Maiori, sindaco Capone accoglie studenti nelle scuole: «State sereni, abbiamo riaperto in sicurezza!»

C'era anche il sindaco di Maiori, Antonio Capone, stamani, ad accogliere gli studenti nella scuola "Roberto Rossellini" e nell'Istituto paritario delle Suore Domenicane. «Oggi riparte la scuola dopo mesi complicati e particolari. È una ripartenza che si basa su diverse regole e protocolli di sicurezza,...

Territorio e Ambiente

Bomba d’acqua in Costa d’Amalfi: strade allagate a Maiori e Minori /FOTO

Il lungomare e la strada uniti in un solo lago. L'allerta meteo arancione annunciata per oggi a Maiori si è scatenata in tutta la sua forza. Troppa la quantità d'acqua prodotta dalle precipitazioni, al punto che al posto della SS163 sembra ci sia un torrente, mentre il lungomare e le aiuole sono tutti...

Vendita, fornitura e assistenza di macchine per caffè, cialde, caffè in capsule, Caffè Granato la garanzia di un espresso di assoluta eccellenza in Costiera AmalfitanaSal De Riso Costa d'Amalfi la pasticceria in Costiera AmalfitanaAntica Pasticceria Pansa Amalfi Cardine SRL social page, rocciatori, lavori in quota, messa in sicurezza post frana, ripristino pareti roccioseMielePiù, la scelta infinita - Avellino - Salerno - architettura sanitaria - arredo bagni - termoidraulica - climatizzazione - riscaldamento - leader in CampaniaParrocchia Santa Maria a Mare pagina ufficiale Facebook